Gruppo Ginestra
L’USO DI DROGA PUÒ OSTACOLARE IL GIUDIZIO MORALE - PSYCHOPHARMACOLOGY - DRONETPLUS.IT

Fonte: Psychopharmacology

 

Titolo originale e autori: Fede, S.J., Harenski, C.L., Schaich Borg, J. et al. Abnormal fronto-limbic engagement in incarcerated stimulant users during moral processing. Psychopharmacology (2016). doi:10.1007/s00213-016-4344-4-

 

Precedenti studi hanno rilevato come l'uso di cocaina e metamfetamine sia legato all'insorgere di problematiche nell'identificare emozioni ed empatia. Nei consumatori di sostanze stimolanti sono state inoltre riscontrate delle anomalie nella struttura neurale e nelle correlate funzioni della corteccia prefrontale ventromediale, dell'amigdala, del cingolato anteriore e posteriore e, in generale, delle regioni implicate nei processi di decisione morale.

 

Scopo di un nuovo studio effettuato da ricercatori dell'Università del New Mexico è esaminare come l'uso di stimolanti influisca sui processi socio-morali che contribuiscono a determinare comportamenti antisociali. La ricerca, condotta nella popolazione carceraria, ha coinvolto 211 adulti maschi sottoposti ad imaging a risonanza magnetica durante un compito legato alla presa di decisioni di tipo morale. Oltre all'uso di sostanze psicoattive durante l'arco della vita, sono state prese in considerazione le risposte neurali durante i processi decisionali sperimentati durante lo studio e la relazione fra periodi di utilizzo di sostanze e le funzioni neurali stesse.

 

Dai risultati è emerso come nei soggetti utilizzatori di sostanze stimolanti l'amigdala risulti attivata in misura inferiore alla media durante i processi di decision making rispetto al campione di controllo, che non utilizza sostanze psicoattive. La durata dell'uso di stimolanti risulta inoltre associata negativamente con l'attività del cingolato anteriore e posteriore, ma positivamente con la risposta della corteccia prefrontale ventromediale. I ricercatori sottolineano in conclusione come questo studio metta in evidenza un modello dinamico del sistema fronto-limbico – l'area del cervello che coordina il rinforzo, effetto e l'azione esecutiva necessaria nel processo decisionale morale – durante il processo di decision making, nei casi di assunzione di stimolanti, con deficit sia a livello motorio, sia a livello cognitivo.

 

Redattore: Staff Dronetplus
Indirizzo: www.dronetplus.it